LUNEDÌ 19/01

I leggendari fotografi del National Geographic David Alan Harvey, Steve McCurry, Vincent Jmusi, Frans Lanting e Bill Allard insieme  dopo la fine del seminario fotografico organizzato dalla rivista.

I leggendari fotografi di National Geographic David Alan Harvey, Steve McCurry, Vincent J Musi, Frans Lanting e Bill Allard, insieme dopo la fine del seminario fotografico organizzato dalla rivista.

 

“Proud to have friends and colleagues like this”. Così scrive su Instagram il fotografo Stephen Alvarez per presentare il quadretto di fotografi da lui paparazzati durante il seminario fotografico organizzato, come ogni anno, dalla rivista National Geographic. Sono quattro celebrities del mondo della fotografia quelle immortalate da Alvarez che, collaboratore di natGeo dal 1995, di solito è più propenso al fotografare eventi straordinari come la scoperta di un’antichissima mummia in Perù o la più profonda grotta del mondo vicino al Mar Nero.

I cinque soggetti non saranno antiche mummie o strane creature marine ma sono tra i più conosciuti al mondo. Da sinistra, David Alan Harvey ride e scherza come suo solito. Chi frequenta l’ambiente sa che quando c’è lui non mancano le risate o i racconti di qualche strana avventura tra le gang o strane usanze locali. Di fianco a lui Steve McCurry, e si potrebbe non aggiungere altro. Sorriso cauto, discreto come sempre. È lui l’autore di una delle più famose copertine del magazine, quella che ritrae la ragazza afghana. A seguire Vincent J Musi che, tanto per intenderci, è il più famoso fotografo di animali. I suoi “big cats”,  più comunemente conosciuti come indomabili tigri, sono la sua icona. Subito dopo, sorridente come i compagni, c’è Frans Lanting, un altro amante degli scatti naturali e conosciuto per l’immagine che lo ritrae immerso fino al collo in uno stagno di ninfee intento a scattare una foto. E infine, sull’estrema destra Bill Allard, il fotografo elegante. Gli piace girare il mondo, dai paesi baschi all’Italia fino al Messico si infila nei posti più caratteristici e ne tira fuori storie che non si vorrebbe mai smettere di guardare.

Qui alcune delle fotografie più esemplificative dello stile dei fotografi citati. Nella consapevolezza che, sfogliare due, tre o infinite volte i loro album (ormai digitali) non sarebbe mai comunque abbastanza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...