IL GIORNO DELLA MARMOTTA

A Punxsutawney, in Pennsylvania, la marmotta Phil predice l'inverno. Foto Ap

A Punxsutawney, in Pennsylvania, la marmotta Phil predice l’inverno. Foto Ap

Ieri,2 febbraio, molti siti e giornali hanno dedicato brevi trafiletti al “giorno della marmotta”, una bizzarra tradizione americana per prevedere la durata dell’inverno. Un’immagine può valere mille parole ma occorre anche qualche spiegazione.

Partiamo dalla fine. Ieri la marmotta Phil è stata estratta dalla sua tana dagli esperti della tradizione e si dice che abbia predetto altre 6 settimane d’inverno. Come ha fatto? Uscendo dalla sua tana ha visto la sua ombra e, spaventata, ha tentato di tornare nel rifugio. Questo gesto viene interpretato come un perdurare dell’inverno almeno per tutto il prossimo febbraio e per la metà di marzo. In caso contrario, se Phil fosse amabilmente uscito dalla sua tana, la primavera sarebbe arrivata di lì a poco.

Sarà davvero così? Come può ritenersi attendibile un roditore? La risposta sta nel tempo. Quella della marmotta è una tradizione che ha radici nell’800, sia negli Usa che in Canada, e che ben poche volte ha sbagliato. Anche l’anno scorso il roditore non aveva fallito nelle sue previsioni. E non importa che il responso di quest’anno parli di freddo e gelo, a giudicare dall’entusiasmo dei partecipanti alla cerimonia, sará un inverno in ogni caso felice. Lo dice Phil.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...