MERCOLEDÌ 08/07

Il sindaco di Londra Boris Johnson e il primo ministro britannico David Cameron rendono omaggio al memoriale delle vittime degli attentati di Londra del 7 luglio 2005, rivendicati da gruppi legati ad Al Qaeda.

Il sindaco di Londra Boris Johnson e il primo ministro britannico David Cameron rendono omaggio al memoriale delle vittime degli attentati di Londra del 7 luglio 2005, rivendicati da gruppi legati ad Al Qaeda.

Dieci anni fa Londra era scossa dalla paura. Il 7 luglio 2005 un gruppo di terroristi fece esplodere alcune bombe quasi contemporaneamente su tre treni della metropolitana londinese. Pochi minuti dopo esplose un autobus. Il bilancio: 56 morti, compresi i terroristi e circa 700 feriti. Ieri, dieci anni dopo, Londra si è fermata per ricordare quel tragico evento. E sono stati più di mille gli agenti schierati per proteggere la City. Il rischio di attentati nella capitale inglese è ancora molto alto, e le minacce di gruppi jihadisti continue. Oggi però le intimidazioni e i rischi sono molto cambiati rispetto al 2005. Al Qaeda colpiva in grande. Metro, autobus, aerei. L’Isis, la minaccia odierna, colpisce nel piccolo, nella vita di tutti i giorni. Nei mercati, nelle redazioni, nei musei e sulle spiagge. Non serve che ci siano tante vittime, serve che tutti abbiano paura. Che nessuno più si senta al sicuro. I servizi segreti britannici sembrano averlo capito e proprio nei giorni scorsi  hanno intensificato i controlli su alcune presunte cellule jihadiste. Ed è stato un lavoro che ha portato i suoi frutti: subito individuato un carico di mitragliatrici cecoslovacche Skorpion arrivate a Londra per rifornire alcune bande criminali che le avrebbero poi passate a cellule di terroristi.

Intanto ieri la BBC, la rete tv ammiraglia della Gran Bretagna, ha ricordato tutte le 52 vittime inglesi in un articolo dove si ricordano, attraverso le foto, i loro volti. Potete trovarlo cliccando qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...